Rinvenimento di una fibula unica nella regione Baden-Württemberg

Dopo quattro mesi di lavori, nel novembre del 2019 si sono conclusi gli scavi di salvataggio a Rottweil, sui terreni interessati dallo scavo entro breve verranno costruite delle abitazioni.
I colleghi della Salisbury hanno rinvenuto l’edificio residenziale centrale di una villa rustica (tenuta agricola) di epoca romana su una superficie di 2 500 m². Immediatamente davanti alle mura della città Arae Flaviae, fondata dai romani, si estendeva una tenuta piuttosto modesta. L’edificio di pietra abitato per circa 150 anni, probabilmente disponeva solo di un pian terreno, o forse aveva anche un piano superiore. La sorte dell’edificio costruito su un pendio è stata suggellata probabilmente da una catastrofe naturale, il muro Nord è stato portato via dallo straripamento improvviso di un torrente di montagna. A causa dell’erosione si possono solo intuire i luoghi degli edifici ausiliari di un tempo, indicati dalla presenza di alcune buche per pali sparse.
Gli archeologi hanno scoperto anche dei canali di scarico dell’acqua, uno di essi lungo ben 150 metri. Per quel che riguarda i reperti rinvenuti, oltre agli oggetti in ceramica di epoca romana, risalenti al II e III secolo avanti Cristo, il pezzo più bello dello scavo è una fibula in bronzo con decorazioni smaltate risalente al IX secolo.  In tutto il Baden-Württemberg non è stato ancora rivenuto nessun oggetto del genere.
Gli archeologi hanno vissuto a Rottweil un periodo indimenticabile, ma hanno dovuto affrontare anche molte sfide, come per esempio l’analisi geologica complicata di quest’area. Come fase conclusiva dei lavori archeologici avverrà l’interramento degli scavi, dopodiché potranno cominciare i lavori di costruzione.

Fonti: Schwarzwälder Bote

Articolo

Comments are closed